UEFI vs BIOS: qual è la differenza?

Quindi potresti aver sentito gli acronimi BIOS e UEFI lanciati in giro, specialmente quando provi a cambiare sistema operativo o scherzi con l'overclock.

E potresti sapere cosa significano questi acronimi (Unified Extensible Firmware Interface e Basic Input / Output System, rispettivamente). Ma ti sei mai chiesto come vengono utilizzati in un sistema informatico?

Demistifichiamo ora questi termini e il loro significato.

Procedura di avvio

Per prima cosa: so che stiamo deviando dall'argomento, ma prometto che questo ti aiuterà con alcuni concetti in seguito.

Allora, come si avvia un computer? Andiamo passo passo:

  1. Premi il pulsante di accensione sul tuo laptop / desktop.
  2. La CPU si avvia, ma necessita di alcune istruzioni su cui lavorare (ricorda, la CPU deve sempre fare qualcosa). Poiché la memoria principale è vuota in questa fase, la CPU rinvia a caricare le istruzioni dal chip del firmware sulla scheda madre e inizia a eseguire le istruzioni.
  3. Il codice del firmware esegue un POST (Power On Self Test), inizializza l'hardware rimanente, rileva le periferiche collegate (mouse, tastiera, pendrive, ecc.) E controlla che tutti i dispositivi collegati siano integri. Potresti ricordarlo come un "bip" che i desktop emettevano dopo che il POST ha avuto esito positivo.
  4. Infine, il codice del firmware passa in rassegna tutti i dispositivi di archiviazione e cerca un boot loader (di solito situato nel primo settore di un disco). Se viene rilevato il boot loader, il firmware gli passa il controllo del computer.

Non abbiamo bisogno di saperne di più su questo argomento ai fini di questo articolo. Ma se sei interessato, continua a leggere (altrimenti puoi saltare alla sezione successiva).

  1. Quindi, ora che il boot loader è caricato, il suo compito è caricare il resto del sistema operativo. GRUB è uno di questi boot loader che è in grado di caricare sistemi operativi simili a unix ed è anche in grado di caricare a catena il sistema operativo Windows. Il boot loader è disponibile solo nel primo settore di un disco, che è di 512 byte. Data la complessità dei sistemi operativi moderni, alcuni di questi boot loader tendono a eseguire il caricamento in più fasi, in cui il boot loader principale carica il boot loader di seconda fase in un ambiente che non è limitato a 512 byte.

  2. Il boot loader carica quindi il kernel in memoria. I sistemi operativi Unix-like quindi eseguono il initprocesso (il processo master, da cui vengono biforcati / eseguiti altri processi) e infine inizializzano i livelli di esecuzione.

  3. In Windows, wininit.exeviene caricato insieme ad altri processi come il services.execontrollo dei servizi, lsass.exela sicurezza e l'autorità locali (simili ai livelli di esecuzione) e lsm.exela gestione delle sessioni locali.

  4. Dopo tutto questo, e dopo che alcuni altri driver sono stati inizializzati, l'interfaccia utente grafica (GUI) viene caricata e ti viene presentata la schermata di accesso.

Questa era una panoramica di alto livello del processo di avvio. Se sei interessato ai sistemi operativi, ti consiglio di leggere di più su osdev.net.

Ora torniamo al nostro argomento originale.

BIOS:

BIOS sta per Basic Input / Output System, il firmware di cui abbiamo parlato nella procedura di avvio sopra.

È memorizzato su una EPROM (memoria di sola lettura programmabile cancellabile), consentendo al produttore di inviare facilmente gli aggiornamenti.

Fornisce molte funzioni di supporto che consentono di leggere i settori di avvio della memoria collegata e di stampare cose sullo schermo. È possibile accedere al BIOS durante le fasi iniziali della procedura di avvio premendo del, F2o F10.

UEFI:

UEFI è l'acronimo di Unified Extensible Firmware Interface. Fa lo stesso lavoro di un BIOS, ma con una differenza fondamentale: memorizza tutti i dati sull'inizializzazione e l'avvio in un file .efi, invece di archiviarli sul firmware.

Questo file .efi è archiviato su una partizione speciale denominata EFI System Partition (ESP) sul disco rigido. Questa partizione ESP contiene anche il bootloader.

UEFI è stato progettato per superare molte limitazioni del vecchio BIOS, tra cui:

  1. UEFI supporta unità di dimensioni fino a 9 zettabyte, mentre il BIOS supporta solo 2,2 terabyte.
  2. UEFI fornisce tempi di avvio più rapidi.
  3. UEFI ha un supporto per driver discreto, mentre il BIOS ha il supporto per unità memorizzato nella sua ROM, quindi l'aggiornamento del firmware del BIOS è un po 'difficile.
  4. UEFI offre sicurezza come "Secure Boot", che impedisce al computer di avviarsi da applicazioni non autorizzate / non firmate. Questo aiuta a prevenire i rootkit, ma ostacola anche il dual-boot, poiché tratta gli altri sistemi operativi come applicazioni non firmate. Attualmente, solo Windows e Ubuntu sono OS firmati (fammi sapere se sbaglio).
  5. UEFI funziona in modalità a 32 o 64 bit, mentre il BIOS funziona in modalità a 16 bit. Quindi UEFI è in grado di fornire una GUI (navigazione con mouse) al contrario del BIOS che consente la navigazione solo utilizzando la tastiera.

Potrebbe non essere necessario UEFI

Sebbene tutti i computer moderni siano dotati di UEFI per impostazione predefinita, alcuni motivi per cui potresti scegliere BIOS rispetto a UEFI sono:

  1. Se sei un principiante e non ti interessa scherzare con qualsiasi tipo di firmware, il BIOS è per te.
  2. Se hai <2 TB per disco rigido o partizione, puoi utilizzare il BIOS.
  3. Il BIOS consente di eseguire più sistemi operativi senza modificare le impostazioni. Questo può essere un problema di sicurezza da un punto di vista moderno, ma ehi, nessun problema per l'utente.
  4. Il BIOS fornisce le informazioni di sistema al sistema operativo. Quindi, se il tuo sistema operativo funziona in modalità a 16 bit, non richiede la scrittura di codice per interagire con l'hardware. Può utilizzare direttamente i metodi forniti dal BIOS. Altrimenti, se il sistema operativo passa alla modalità a 32 bit o 64 bit, deve fornire le proprie subroutine per interagire con l'hardware.
  5. Se sei una persona che preferisce una tastiera e un'interfaccia utente basata su testo alla navigazione con mouse e GUI, il BIOS fa per te.

UEFI tiene conto di queste limitazioni e fornisce una modalità legacy. In esso puoi eseguire tutto come se avessi un firmware BIOS. Ma tieni presente che Intel ha annunciato che non supporterà il BIOS tradizionale dal 2020.

Conclusione

Questo post ti ha fornito una panoramica delle differenze tra BIOS e UEFI. Ti consiglia anche quando scegliere uno di loro e come sono diversi l'uno dall'altro.

In caso di domande, sarò sempre disponibile su Twitter. Grazie per il tuo tempo.